L’ufficiale, 56 anni, di origini veneto-trentine, coniugato con due figli, si è laureato in scienze forestali all’Università degli Studi della Tuscia. Nel 1989 è entrato a far parte come funzionario del Corpo Forestale dello Stato presso la Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche a Roma. Dal 1998 ha preso servizio presso il Comando Provinciale di Viterbo del Corpo Forestale dello Stato dove dal 2004 al 2014 ha diretto il NIPAF – Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale. Risalgono a quel periodo indagini come “Girotondo”, “Dazio”, “Genio e sregolatezza” che hanno avuto vasta eco nella Tuscia e non solo.

Nel 2014, promosso primo dirigente, è andato a dirigere a Roma, presso l’Ispettorato Generale del Corpo Forestale dello Stato, la 1^ Divisione, coordinando tra l’altro l’attività di polizia giudiziaria del Corpo a livello nazionale ed internazionale.

Con l’assorbimento del Corpo Forestale dello Stato nell’Arma dei Carabinieri dal primo gennaio 2017 ha diretto la 1^ Sezione – Polizia Ambientale e Forestale dell’ufficio OAIO del Comando Unità Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare Carabinieri a Roma.