La cerimonia al Palazzo del Governo presieduta dal prefetto Giovanni Bruno
VITERBO – Questa mattina, presso il Palazzo del Governo, il prefetto Giovanni Bruno ha presieduto la cerimonia di consegna delle onorificenze dell'ordine al merito della Repubblica. 

Evento molto partecipato a cui hanno preso parte, oltre agli insigniti, diversi primi cittadini della Tuscia. Assente invece il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini.

A consegnare le onorificenze tra gli altri lo stesso Prefetto, il questore Lorenzo Suraci, il comandante provinciale dei Carabinieri Giuseppe Palma, il comandante provinciale dei vigili del fuoco Giuseppe Paduano, il comandante provinciale della Guardia di finanza Giosuè Colella e il presidente della Provincia Pietro Nocchi.

Sono stati insigniti commendatori: il sindaco di Soriano nel Cimino Fabio Menicacci e il generale di divisione dell'Esercito Vasco Angelotti.

Hanno ricevuto le onorificenze come cavalieri: il maresciallo maggiore dell'Arma dei carabinieri Luciano Eutizi, il colonnello dell'Esercito Angelo Capozziello, i sottufficiali dell'Esercito Claudio Bianchi ed Eugenio Natali, il dottor Marco Metelli, la signora Onelia Gabrielli, il comandante della polizia locale in congedo di Capodimonte Pietro Bellucci, l'appuntato scelto Cc Massimiliano Mennoni, il maresciallo maggiore dell'Arma Giovanni Rizzo, il maresciallo maggiore dei carabinieri Mario Formisano, gli appuntati scelti Cc Gianfranco Lappa e Stefano Chiavetta, il vice brigadiere Cc Stefano Prodomi, l'assistente capo della Polizia Mauro Tofanicchio, il generale di brigata dell'Esercito Gabriele Toscani De Col, il colonnello dell'Aeronautica Roberto Palmisano, il tenente colonnello dell'Aeronautica Valter Taddei, il maresciallo ordinario della Guardia di finanza Andrea Perretta e il maggiore dei Carabinieri Adriano Seggi.

formisanoW1527777038K28634

W1527777040K890953W1527777041K231490

W1527777041K753677

W1527777044K507895
W1527777045K272564

W1527777045K932720

 

W1527777049K754751W1527777041K737849W1527777047K236921

 

 

tratto da qui